Andar per monti

In questo articolo troverete suggerimenti per passeggiare in sicurezza in montagna e non solo

Con una chiamata all’ultimo minuto, è così che il mio caro zio mi invita alla prossima avventura, che può essere una passeggiata, un’arrampicata, una ferrata, una sciata o una ciaspolata; ultimamente si tratta sempre di una camminata, lunga o breve che sia, sarà comunque una piacevole immersione nella natura

Nella sezione escursioni troverete alcune delle camminate che ultimamente ho affrontato in Veneto e Trentino Alto Adige

Le regole fondamentali da rispettare sempre e tutte e non per forza in ordine di importanza sono:

  • Studiare, munendosi di cartine topografiche recenti, un percorso adatto alle proprie capacità fisiche e al tempo a disposizione: bisogna saper sempre conservare un buon margine di energia, (esiste una scala delle difficoltà da Turistico ad Alpinistico), così facendo sarà divertente, facile e soprattutto ricco di interessanti incontri: fiore, animale, profumo, rumore, panorama che sia
  • Scegliere una bella giornata, informandoti sulle previsioni meteorologiche ormai sempre molto aggiornate ed attendibili (es.: www.arpa.veneto.it ); non è detto che se al mattino è splendido lo sarà anche al pomeriggio, anzi di solito i pomeriggi sono sempre piovosi nel periodo estivo. In tal caso munirsi di ombrello, proprio così, il classico ombrello è molto più utile di una mantella o di un poncho
  • Vestirsi in modo adeguato; non per forza serve un equipaggiamento tecnico, ma delle buone scarpe da trekking aiutano nel caso di percorsi con diverse tipologie di terreno
  • Nello zaino non mettere cose inutili ma lo stretto necessario; sembra una stupidaggine ma il peso sulle spalle per diverse ore può stancarti facilmente, fondamentale l’acqua, le barrette energetiche o gli alimenti ricchi di zucchero, un mini kit di pronto soccorso con cerotti, salviette disinfettanti e un paio di pastiglie di antidolorifico, una maglia di ricambio, un asciugamano, la cartina geografica, fazzoletti di carta e carta igienica
  • Essere iscritti ad un ente o associazione che abbia una copertura assicurativa adeguata alle proprie esigenze (es.: CAI) o verificare presso le proloco locali se dispongono di tale assicurazione, a volte anche solo giornaliera
  • Lasciare sempre detto a qualcuno dove vai e confermare all’arrivo il tuo ritorno
  • Non danneggiare la natura che ti circonda, rispettala perché siamo suoi ospiti
  • Evitare i sentieri non segnalati
  • Prestare attenzione alla segnaletica collocata lungo il percorso
  • Salutare gli altri escursionisti che si incontrano; è una consuetudine piacevole che unisce le persone alla stessa passione
  • Portare a casa i propri rifiuti; ho portato a casa diversi chili di rifiuti altrui durante le mie escursioni
  • Chiamare solo in caso di reale bisogno il 118

Nel mio zaino non faccio mai mancare, il telefono ben carico con l’applicazione Georesq, il servizio di geolocalizzazione e d’inoltro delle richieste di soccorso dedicato a tutti i frequentatori della montagna ed agli amanti degli sport all’aria aperta (gratuita per i soci CAI), un accendino, un coltellino, una torcia, un fischietto, una coperta termica e un altimetro

Mal di montagna: i comportamenti consapevoli

Non è certamente solo un problema Himalayano, a volte basta anche solo superare i 2500 m s.l.m. per avere i sintomi. La prestazione di una persona diminuisce in quota a causa del più basso contenuto di ossigeno nell’aria, con un conseguente cambiamento della frequenza cardiaca e del flusso sanguigno. Importante quindi prendersi il proprio tempo necessario per acclimatarsi. I sintomi come il mal di testa, nausea, perdita di appetito e insonnia sono campanelli di allarme molto importanti da non sottovalutare. Sarà necessario scendere a valle prima possibile.

Vi chiedo gentilmente di non chiedermi informazioni tecniche su percorsi più o meno impegnativi, tutto dipende dal proprio stato di allenamento e capacità e dall’effettiva accessibilità nel momento richiesto. Per questo Vi invito a seguire i canali ufficiali SAT -CAI per approfondire sempre le notizie aggiornate.

Dedico l’articolo a mio zio Giancarlo, che purtroppo ci ha lasciato: non sarà mai la stessa escursione ricca di particolari e racconti!!!

Copyright © 2017 www.VcomeViaggiare.it | Tutti i diritti riservati www.VcomeViaggiare.it | www.VcomeViaggiare.it non è responsabile dei contenuti dei siti segnalati

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione mediante cookie nel rispetto della privacy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione acconsenti all’uso dei cookie Read More Ok