Via Ferrata “I Magnifici 4” – Rif. Baita Cuz 2165 m s.l.m.

Il rifugio Baita Cuz è di recente costruzione, aperto anche d’inverno in quanto situato lungo la discesa che permette di collegarsi direttamente con il Sella Ronda (l’ambitissimo giro del monte Sella) per chi proviene da Pozza di Fassa

Val San Nicolò

Offre un ottima soluzione se si desidera passare una o più notti in quota, con ottimi menù, la sauna panoramica (in un’enorme botte), la connessione wi-fi e la compagnia del simpatico e preparato gestore

All’esterno dispone di un fornito parco giochi e di una grandissima terrazza che consente la vista di tramonti impareggiabili sul Catinaccio

Generalmente è facilmente raggiungibile in 20 min. a piedi dalla stazione a monte della cabinovia del Buffàure o in alternativa in circa 2 h dal paese seguendo i sentieri CAI n. 643 e n. 613

Ho scelto invece di raggiungerlo complicandomi la vita attraverso la ferrata “I magnifici 4” sbucando dai prati appena sotto il rifugio

In realtà era proprio lo scopo dell’escursione, un sogno nel cassetto vista la difficoltà della salita

È dedicata ai quattro volontari del soccorso alpino, Alex, Diego, Erwin e Luca, tragicamente travolti da una valanga durante un intervento il 26 dicembre 2009, costruita proprio dal gestore del rifugio in loro memoria

Percorrendo la carrabile nella Val San Nicolò una volta raggiunto il piccolo parcheggio sulla sx dopo circa 500 m dalla malga Crocifisso, attraversando il ponticello c’è un caseggiato con la freccia indicativa la ferrata

Dopo circa 40 min. di piacevole passeggiata nel bosco, si presenta il canalone con la grotta ed il punto di partenza

Canalone iniziale

Ferrata decisamente difficile, molto tecnica, con passaggi estremi, sia per il continuo uso della forza delle braccia, sia per la continua esposizione, difficilmente arrampicabile per la mancanza di buoni e puliti appigli

La ferrata può essere interrotta a metà percorso uscendo a sx dopo l’impegnativo traverso, che ha la particolarità di farti camminare su una corda metallica per diversi metri

Traverso su fune

2,30 h la sola ferrata

Il “libro di vetta” è semi nascosto sotto uno sperone di roccia poco prima dell’uscita

All’uscita si aprono subito i prati del Buffàure con il vicino rifugio

Inizio sentiero del ritorno

Sono sceso al parcheggio seguendo un sentiero segnalato ma non numerato che porta alla Val di San Nicolò passando dietro i Maerins, riparato da un fitto bosco di abeti e larici

1 h

I Maerins


Scheda rifugio Baita Cuz 2165 m s.l.m

Gruppo della Marmolada – Località Buffàure
Proprietà: privato
Gestore: Stefano Zulian Cuz cell. +39 335 6548455
Telefono del Rifugio: +39 0462 760354
E-mail: info@rifugiobaitacuz.com
Sito: www.rifugiobaitacuz.com
Posti letto: 24 su 7 stanze da 2 a 6 letti
Servizi igienici nelle camere
Servizi: parco giochi, ampia terrazza solarium, sauna in botte, cene invernali con salita in Gatto delle Nevi, uso internet gratuito, WiFi, bar, servizio lavanderia, animali ammessi
Copertura telefonica: buona di qualsivoglia operatore
Periodo di apertura: sia in estate che in inverno
Coordinate gps: 46° 25’43″N 11°43’53” E

Aggiornato 30/04/2019

Copyright © 2017www.VcomeViaggiare.it | Tutti i diritti riservati www.VcomeViaggiare.it | www.VcomeViaggiare.it non è responsabile dei contenuti dei siti segnalati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione mediante cookie nel rispetto della privacy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione acconsenti all’uso dei cookie Read More Ok