Bocchetta di Portule 1937 m s.l.m.

Parcheggio comodo e spazioso nei pressi del Rif. Val Formica provenendo dalla Valdassa o in alternativa si potrà lasciare l’auto negli spazi lungo la carrabile

Con lo sguardo verso sud verso i “roversi” del Verena, chiamati così i contrafforti meno accessibili esposti a settentrione della cima, si aprirà la Val Formica, dalla parte opposta invece: cima Larici, cima Portule, cima Laste e cima Mandriolo.

Tutto il territorio è stato testimone della Grande Guerra, guardandosi attorno sono sempre presenti i resti di fortificazioni, ricoveri, postazioni, osservatori e trincee.

Cima Portule

L’inizio del sentiero n. 826 a quota 1611 m s.l.m. sale a monte dell’agriturismo Malga Larici, attraversa il Bosco di Costa Larici, gira in leggera salita la conca formata dalla Val Renzola e dopo poco più di 5 km si raggiungono i bastioni di Bocchetta Portule, con l’ampia zona prativa, una panchina, il cartello espositivo del Sentiero della Pace* e l’entrata nella galleria recentemente ripulita e resa più sicura. Il canale che esce dall’ingresso ospitava il cavo di ritorno della teleferica che portava vettovaglie e munizioni a Cima Portule (2308 m s.l.m.) dove, salendo, si potrà ammirare lo spettacolare panorama sulla Valsugana e sulle Dolomiti trentine.

Sentiero su sterrato, costruito dai soldati austro-ungarici, semplice, sicuro e con un ottimo fondo, adatto al Nordic Walking e alle Mtb; una volta in cima è molto pericoloso l’esporsi sulla Val Formica con un burrone di diverse centinaia di metri

Val Formica e sulla sx il Monte Verena

Difficoltà: E (Escursionisti)

4 h andata e ritorno

5 h andata e ritorno con ramponi o ciaspole

Cartografia Tabacco 050 Altopiano dei Sette Comuni – Asiago – Ortigara 1:25.000

* Il Sentiero della Pace è un lungo tracciato escursionistico, dal Passo dello Stelvio alla Marmolada, che unisce tra loro i luoghi della memoria seguendo la linea del fronte della Prima guerra mondiale, in quello che fu il settore occidentale della guerra italo-austriaca, combattuta tra il 1915 ed il 1918. Il percorso escursionistico si snoda per circa 600 km, collegando tra loro le vette dei ghiacciai ai fondovalle alpini e creando un’ampia rete di sentieri che consente all’escursionista di raggiungere forti, capisaldi, mulattiere e trincee costruite dall’esercito italiano ed austro-ungarico durante il Primo conflitto mondiale

Copyright © 2021www.VcomeViaggiare.it | Tutti i diritti riservatiwww.VcomeViaggiare.it | www.VcomeViaggiare.itnon è responsabile dei contenuti dei siti segnalati

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione mediante cookie nel rispetto della privacy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione acconsenti all’uso dei cookie Read More Ok